Press "Enter" to skip to content

Che cos’è il Codice POD dell’Energia Elettrica?

Che cos’è e a cosa serve il codice POD dell’Energia Elettrica? Ecco tutto quello da sapere sul codice POD, come recuperarlo anche senza la bolletta e perchè bisogna prestare attenzione alle cosiddette “truffe del pod”.

Cos’è il codice POD

Il codice POD (Punto di prelievo, dall’inglese point of deliver) è l’identificativo univoco dell’utenza: si tratta di un codice alfanumerico che viene utilizzato in ogni operazione relativa alla fornitura elettrica. Qualora ci si trovasse nell’esigenza di attivare o disattivare un’utenza, oppure effettuare una voltura o un subentro, sarà indispensabile disporre del codice POD.

Si tratta di un codice unico e identificativo che permette di distinguere un’utenza da tutte le altre, alla stregua di un codice fiscale che è proprio di un singolo individuo e non risulterà mai uguale a quello di un altro. Il codice POD è un codice alfanumerico (composto quindi sia da lettere che da numeri) formato da 14 caratteri che rimane sempre invariato, né in caso di cambio di fornitura, né qualora si sostituisca il contatore.

Ogni codice POD inizia sempre con la sigla IT (codice nazionale Italia) a cui fanno seguito 3 numeri per identificare il fornitore; subito dopo troviamo la lettera E (energia), come disposto dalle regole dell’Autorità (ARERA), mentre le ultime 8 cifre finali servono a identificare l’indirizzo dell’abitazione.

Distinzione tra Codice POD e codice cliente

È importante conoscere la differenza tra il codice POD e il codice cliente. Il codice cliente si compone infatti di soli numeri, ed è un codice creato per identificare la sola utenza di quello specifico fornitore. Al contrario, il codice POD, come già detto, è una stringa alfanumerica e viene conferito in modo automatico nel momento in cui avviene il primo allaccio della fornitura elettrica. É il distributore locale ad avere il compito di assegnare il codice POD al contatore così che, a partire dal quel momento, tutti i distributori locali potranno fare riferimento direttamente a quel numero, in caso di una qualsiasi operazione relativa alla fornitura elettrica.

Dove trovare il codice POD

Sapere dove trovare il proprio codice POD è, come detto, molto importante, ed è la prima cosa da fare qualora ci si trovi nell’esigenza di compiere operazioni in merito alla fornitura di energia elettrica. Trovare il codice POD è piuttosto facile, e vi sono diverse modalità per farlo. Ecco quali:

  • Controllare la bolletta dell’elettricità: nella bolletta dell’elettricità sono contenuti diversi dati importanti, tra questi appunto, troviamo il codice POD, situato generalmente nel primo foglio, alla voce “dati fornitura”
  • Cercare online: qualora non avessimo a disposizione una vecchia bolletta cartacea, possiamo lo stesso recuperare il nostro codice POD cercando sul sito o sull’app del nostro fornitore, entrando nella nostra area clienti personale.
  • Chiamare il servizio clienti: in alternativa possiamo contattare direttamente il servizio clienti del nostro fornitore: per recuperare il codice POD basterà fornire i dati personali dell’intestatario dell’utenza e l’indirizzo dell’abitazione.
  • Leggere il contatore: I contatori elettronici possono fornire molte informazioni sulla nostra utenza, ma non sempre possiamo trovare il codice POD sul display, in quanto alcuni modelli non sempre riportano le cifre finali. Bisogna però prestare attenzione a non confondere il codice POD con il codice di matricola del contatore (che contiene solo numeri).
  • Utilizzare il codice matricola del contatore: per conoscere il proprio codice POD possiamo inviare direttamente un fax al distributore locale con la richiesta di conoscere il codice. Nella richiesta andranno indicati i propri dati personali, il numero di matricola del contatore e l’indirizzo esatto dell’abitazione.

Truffa del POD, come tutelarsi

Il codice POD è un codice unico ed identificativo, ed esattamente come il codice fiscale, è molto importante che non cada nelle mani sbagliate. É molto importante prestare la massima attenzione alle persone con cui scegliamo di condividere il codice della nostra utenza, per evitare di cadere nella cosiddetta “truffa del POD”. Molto spesso avviene che questo codice venga utilizzato in modo illegale per attivare nuove utenze alle spalle del legittimo proprietario. Può capitare di ricevere una chiamata o la visita di qualcuno che si finge un tecnico qualificato o un addetto alle utenze e con questa scusa riesce a leggere la nostra bolletta o controllare il contatore. In questo modo potrebbero risalire al codice POD e intestarci del tutto illecitamente un nuovo contratto a nostra insaputa.

É dunque molto importante ricordarsi sempre che chi si presenta o telefona, deve sempre qualificarsi in modo tale che si possa verificarne l’identità e l’effettiva appartenenza all’azienda.

Allo stesso modo, sempre per tutelarsi da eventuali frodi, all’arrivo della bolletta è bene non limitarsi al solo importo da pagare, ma scorrere con attenzione tutte le voci che compongono la somma totale. Qualora infatti dovessero apparire frasi sospette quali “cessazione del contratto” o altre di ugual genere, è consigliabile contattare al più presto il proprio fornitore di energia elettrica per verificare lo stato delle proprie utenze.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *